Storia Veneta - Storia delle Venezie - Eversione Anni 70 - Commenti politici

Tra il 1944 e il 1945 la città di Trieste è al centro di una disputa molto dura tra il Comitato di Liberazione Nazionale (italiano), le forze armate tedesche e fasciste e l'egemonismo politico del comunismo jugoslavo, presente in città con le sue organizzazioni clandestine. Il governo del Sud invia agenti di una organizzazione informativa, la "NEMO" per avere il quadro della situazione mentre gli inglesi propongono al CLN una linea morbida per non urtare la suscettibilità degli jugoslavi. Ma le cose andranno in modi diversi....Continua

 

 

Gli apparati di guerra non ortodossa negli anni cinquanta: il Friuli ad esempio con la Brigata partigiana "autonoma" OSOPPO è la base per tutte le sperimentazioni associative armate e per le strategie degli Stati Maggiori e dei Servizi Segreti, qui nasce poi GLADIO, contornata da altri gruppi finalizzati a "sorvegliare" una democrazia malata...  Continua

Storia di una profonda infiltrazione nella nuova repubblica italiana - 1^ puntata

Documentazione del Ministero dell’Interno tratta da “Relazione di consulenza del 15 dicembre 1998” del Prof. ALDO GIANNULI su incarico della Procura della Repubblica di Brescia. Continua

L'efficientissimo servizio segreto militare jugoslavo rappresenta l'avanguardia della politica di espansione del regime titoista verso la Venezia Giulia. Ma i titini avevano un programma più ampio che comprendeva la destabilizzazione dell'Italia del Nord... Continua

La Repubblica Socialista al Nord! L'oscura trama della "Colonna Mista". Continua

 

Contrasti, operazioni di controllo, tra Servizi italiani (SIFAR e poi SID) e i "colleghi americani" negli anni del dopoguerra, in particolare tra il 1960 e il 1970 quando la "Comunità informativa SETAF" (Verona-Vicenza) agiva avvalendosi di servizi di intelligence completamente clandestini.... Continua

 

Pubblichiamo di seguito una serie di documenti concernenti la situazione politico-militare nell’Italia del Nord nei mesi di marzo-aprile 1945. In particolare i rapporti, redatti da personale militare dei servizi di spionaggio e controspionaggio (S.I.M. e O.S.S.) che offrono uno spaccato molto interessante sull’attività di Benito Mussolini e sulle proposte che arrivavano a lui direttamente allo scopo di cercare una via d’uscita “politica” prima del crollo finale. Continua

Per la strage di Piazza Fontana (12 dicembre 1969 a Milano alla Banca Nazionale dell'Agricoltura - 17 morti) dopo varie istruttorie e inizi di processi la Corte di Cassazione il 13 ottobre 1972 assegna il processo al Tribunale Corte di Assise di Catanzaro. Il processo termina con sentenza il 23 febbraio del 1979.  Continua